Contenuto di questa pagina
Criteri di scelta
Prodotti

Refrigeratori professionali

Frigoriferi professionali

Scarica le policy recommendations di agosto 2015 (pdf - EN)

Dal 1° luglio 2016 l'etichetta energetica per refrigeratori professionali è obbligatoria. Essa mostra:

  • La classe di efficienza energetica;
  • Il consumo elettrico annuale in kWh/anno
  • Il volume netto complessivo di tutte le parti del refrigeratore che funzionano in modalità "raffreddamento"
  • Il volume netto complessivo di tutte le parti del refrigeratore che funzionano in modalità "congelamento"
  • La classe climatica (3, 4 o 5)
  • criteri minimi per i prodotti vendibili si faranno sempre più stringenti, con questa tempistica:

    • Dal 1° luglio 2016: Indice di efficienza energetica < 115
    • Dal 1° gennaio 2018: Indice di efficienza energetica < 95
    • Dal 1° luglio 2019: Indice di efficienza energetica < 85

    I cabinet heavy duty devono rispettare esclusivamente il primo limite, a partire dal 1° luglio 2016.

    I frigo-congelatori e gli abbattitori sono esentati dall'etichetta energetica a non devono rispettare nessun criterio di efficienza energetica. Tuttavia, le informazioni relative al consumo energetico devono essere fornite nel libretto di istruzioni e su internet a partire dal 1° luglio 2016: 
    • per i frigo-congelatori deve essere fornito il set completo di specifiche, compreso il consumo energetico giornaliero;
    • per gli abbattitori deve essere dichiarata la capienza in kg, la temperatura standard del ciclo di abbattimento e la sua durata, il consumo energetico (in kWh/kg) e il tipo, il nome e il GWP del refrigerante.

    Documenti: Regolamento EU 2015/1094

    Osservazioni

  • Le classi di etichettatura sono state aggiornate in maniera restrittiva più volte prima della pubblicazione definitiva del Regolamento. Nella versione in vigore nessun prodotto è superiore alla classe A, le classi A+ e A++ sono disponibili per ulteriori miglioramenti dei prodotti futuri.
  • Due etichette anzichè quattro rendono l'implementazione più semplice.
  • Come strumento minimo per abbattitori e frigocongelatori è stata inclusa la dichiarazione del consumo di energia - altri strumento di Ecodesign e labelling non sono attivi su queste categorie. E' comunque possibile sin da subito , in fase di acquisto, considerare i costi dovuti al consumo oltre al costo di acquisto.
  • Ulteriori possibili miglioramenti:

    • Requisiti minimi più stringenti: min. classe D (IEE < 75) dal primo tier.
    • Gli armadi refrigerati statici dovrebbero essere considerati da informazioni sul prodotto, a meno che non siano inclusi nella revisione del LOT 13 (per refrigerazione domestica). Attualmente c'è una carenza informativa e resta a discrezione del fabbricante se considerare il prodotto per uso domestico o professionale e quindi decidere di etichettarlo o meno.
    • Non c'è possibilità di mostrare l'utilizzo di refrigeranti sostenibili sull'etichetta. Il bando degli F-gas dal 2022 è ormai prossimo e ci sono difficoltà a diffondere le tecnologie più sostenibili. Sono necesarie attività a supporto del cambiamento per evitare l'ulteriore messa sul mercato di prodotti con refrigeranti clima-alteranti.

     

    Geilinger, Michel, Bush (trad. A.Roscetti) - Luglio 2016